Benvenuti sul mio blog/diario segreto. Vi informo che tutti gli articoli di lavoro sulla salute sono stati spostati sul mio nuovo sito salute e benessere!

martedì 22 maggio 2012

La Circolazione Sanguigna Migliora Dimagrendo Il Giro Vita


Perdere peso migliora la circolazione sanguigna.
Sicuramente molti di voi lo avrebbero dato per scontato, visto che il collegamento sovrappeso-malattie cardiovascolari è molto più di una supposizione.
Ad ogni modo c'è di più. Lasciatemi spiegare.

Uno studio scientifico sembrerebbe aver dimostrato che dimagrire (soprattutto il giro vita) aiuterebbe i vasi sanguigni nello svolgere al meglio la loro funzione.
Poco importerebbe se la dieta sia a basso contenuto di carboidrati o di grassi.
I miglioramenti si palesano ugualmente.

Durante i sei mesi di test, i ricercatori della Johns Hopkins hanno palesato che più era il grasso perso attorno alla pancia e meglio erano capaci di lavorare le arterie, espandendosi e contraendosi alla bisogna per regolare la circolazione del sangue.

Un altro dato molto rilevante riguarda il tipo di alimentazione.
Infatti coloro i quali stavano seguendo una dieta povera di carboidrati hanno perso circa 5 KG in più,  rispetto a coloro che avevano preferito mantenersi bassi con i grassi.

"Durante i sei mesi di test, i soggetti sottoposti ad una dieta povera di carboidrati hanno perso intorno ai 13 kg, mentre i pazienti con una dieta a basso contenuto di grassi hanno perso circa 8/9 KG" - son queste le parole con le quali Kerry J. Stewart, professore della facoltà di medicina alla Johns Hopkins University School of Medicine e ricercatore presso l'istituto di ricerca malattie cardiache e vascolari, ha scelto per descrivere i risultati della ricerca da egli stesso coordinata.

Il professore Stewart ed i suoi colleghi hanno studiato attentamente per sei mesi 60 uomini e 60 donne, che pesavano inizialmente attorno ai 100Kg.
A metà dei partecipanti venne data una certa dieta da seguire.
All'altra metà ne venne suggerita un'altra.

La prima era povera di carboidrati. La seconda era carente in grassi.
In una tipica dieta a basso contenuto di carboidrati, il 30 percento delle calorie deriva da carboidrati come il pane e la pasta, mentre il 40% delle calorie proviene direttamente da fonti grasse come la carne, il formaggio, etc..
Al contrario una dieta povera di grassi prevede che il 30 percento delle sue calorie derivino dai grassi, mentre il 55% dai carboidrati.
Ciò che deve essere chiaro, però, è che tutti i pazienti ingerivano pressapoco lo stesso quantitativo di calorie attraverso i pasti.

Inoltre, per tenere sotto controllo e poter valutare la circolazione sanguigna prima e dopo il test, i soggetti sono stati sottoposti ad un test pressorio, che stringeva l'arteria brachiale (nel braccio) per circa 5 minuti attraverso un manicotto.

Il meccanismo è simile a quello utilizzato per valutare la pressione arteriosa.
Dopo aver bloccato il flusso sanguigno, che scorre normalmente verso il polso, si procede all'apertura di questa "diga" e si misura il tempo necessario al sangue per raggiungere le punte delle dita prima, durante e dopo la costrizione dell'arteria.

"E' un test affidabile, che può darci indicazione dell'intero sistema circolatorio corporeo di un soggetto" - dice Stewart, continuando - "ed i risultati ci indicano chiaramente come i soggetti, che hanno perso più chili attorno al giro vita, presentino una migliore e più rapida circolazione sanguigna".

Ed in questo il professore ha ragione.
I risultati sono chiari e smentiscono tutte le cattive dicerie sui grassi descritti sempre come un cattivo alimento.

E voi cosa ne pensate?

Autore: Viola Dante © RIPRODUZIONE RISERVATA

0 commenti:

Posta un commento

Per lasciare velocemente un commento, cliccate su [Seleziona profilo..] e poi su [Nome/URL]. Potete anche non inserire un indirizzo internet e mettere solo il nome :)
Grazie Per Il Commento!

Puoi Utilizzare Facebook, Per Lasciare Direttamente Un Commento