© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante


Benvenuti sul mio blog/diario segreto. Vi informo che tutti gli articoli di lavoro sulla salute sono stati spostati sul mio nuovo sito salute e benessere!

Monia

Omega 3 per la pressione sanguigna

Un importante fattore di rischio per malattie cardiache, ictus, ipertensione può essere gestito mediante l’integrazione. Dominik D. Alexander del Centro di Epidemiologia, Biostatistica e Biologia Computazionale presso Exponent , Inc. (Illinois , USA), ha completato un grande meta-analisi che ha coinvolto 70 studi randomizzati controllati su acido eicosapentaenoico (EPA) e …

Scopri di +

Integratori per il benessere cardio vascolare

Un certo numero di cambiamenti cognitivi è legato al fisiologico processo di invecchiamento (link antiagingclub.it/Medicina/COSA-SIGNIFICA-INVECCHIARE). Ma altri fattori possono compromettere gravemente le funzioni del nostro cervello. Una delle cause più gravi è l’ictus. Deborah Levine, dell’Università del Michigan (Michigan, USA), e colleghi osservano che la cognizione globale e la funzione …

Scopri di +

La Meditazione mitiga lo stress

La Meditazione Trascendentale è una tecnica che consente di rimuovere pensieri distraenti e promuovere uno stato di consapevolezza. Sanford Nidich della Maharishi University (Iowa,USA) e colleghi hanno osservato alcuni docenti e personale di una scuola per bambini con problemi comportamentali e chiesto loro di praticare 20 minuti di TM due …

Scopri di +

Fieno greco contro il Diabete

Ampiamente coltivato in regioni geografiche aride come il subcontinente indiano, il fieno greco (Trigonella foenum-graecum L.) è una pianta annuale della famiglia delle Fabaceae. Foglie di fieno greco e semi sono comunemente usati come medicina tradizionale per il diabete in Asia: infatti una serie di studi dimostrano la sua capacità di …

Scopri di +

Integratori contro il declino cognitivo

Una paura persistente e comune tra gli anziani è il declino e / o la perdita delle capacità cognitive, ovvero di pensare, ricordare e imparare. Paula C Bickford, della University of South Florida (Florida, USA) e colleghi hanno sviluppato una formulazione contenente estratti di mirtilli e the verde in combinazione …

Scopri di +

Il rosso che fa bene al cuore

Numerosi studi precedenti hanno dimostrato che l’aumento del consumo di alimenti ricchi di polifenoli aiuta a ridurre i rischi di malattie cardiovascolari. La dottoressa A. Tresserra-Rimbau, dell’Università di Barcellona (Spagna), e colleghi hanno analizzato i dati raccolti su 7172 uomini e donne, di età 55-80 anni. I soggetti e le …

Scopri di +

Abbassare la temperatura per favorire il benessere dell’organismo

Le nostre case, i nostri uffici e gli spazi pubblici sono riscaldati durante i mesi invernali per ottenere comfort. Così facendo però si riduce la capacità innata del nostro corpo di modulare la propria temperatura, e si aumenta potenzialmente il rischio di obesità. Wouter van Marken Lichtenbelt, della Maastricht University …

Scopri di +

La caffeina migliora la memoria

Numerosi studi precedenti hanno riportato un miglioramento degli effetti cognitivi (link ) grazie alla caffeina. Michael Yassa , della Johns Hopkins University (Maryland , USA), e colleghi hanno esaminato l’effetto della caffeina sulla memoria ( link ) sottoponendo alcuni gruppi di persone alla visione di immagini e all’assunzione di prodotti …

Scopri di +

Tra i pazienti con lieve o moderata malattia di Alzheimer, l’assunzione di 2000 UI / die di alfa tocoferolo ha comportato un declino funzionale più lento

Un limite importante nella malattia di Alzheimer è la potenziale perdita della capacità di completare le attività della vita quotidiana, e quindi di vivere in modo indipendente. Maurice Dysken, del Minneapolis VA Health Care System, e colleghi hanno arruolato 613 pazienti con lieve o moderata malattia di Alzheimer e assegnati …

Scopri di +

Dormire poco può danneggiare il cervello

I ricercatori dell’Università di Uppsala, in Svezia hanno studiato gli effetti della mancanza di sonno su 15 uomini di peso normale: in una condizione sono stati privati ​​del sonno per una notte, mentre in un’altra condizione hanno dormito per circa 8 ore. Il team di ricerca ha osservato che una …

Scopri di +