Benvenuti sul mio blog/diario segreto. Vi informo che tutti gli articoli di lavoro sulla salute sono stati spostati sul mio nuovo sito salute e benessere!

domenica 27 maggio 2012

Come Conservare Il Cibo In Frigo Per Evitare Contaminazioni E Cattivi Odori


Molte volte può sembrare banale parlare di certi argomenti. In realtà non lo è quasi mai.
Oggi ad esempio vorrei affrontare l'argomento "cibo e frigo".
Come vanno conservati i cibi? Esistono delle regole o delle linee guida per evitare le contaminazioni ed evitare di sbagliare?

Ogni alimento ha una sua "temperatura di riposo".
Posizionarlo più in alto o più in basso, in fondo o in avanti, dentro un cassetto o fuori, sono tutte scelte che spesso vengono prese automaticamente, inducendoci all'errore.
Ma prima di vedere nel dettaglio come conservare il cibo in frigo, lasciate che vi ponga una domanda diretta: dove avete posizionato il vostro frigorifero?

Ve lo domando perchè è molto importante che esso sia posizionato distante da fonti di calore (forni, stufe, condizionatori, et similia) e con attorno un pò di spazio, così che l'aria non stagni ma sia sempre fresca e novella.
Il frigorifero deve essere tenuto pulito. Periodicamente è necessario svuotarlo e dare una lavata con acqua e aceto. Se poi sono presenti dei cattivi odori, provate a pulirlo con acqua e bicarbonato: anche gli odori più persistenti dovrebbero andare via. 

Inoltre la serpentina sul retro va pulita tre volte all'anno. Qualcosa come ogni 4 mesi.
Assicuratevi anche che il canale di scolo sia sempre libero.
Osservando queste "norme di buona manutenzione", avrete un frigorifero sempre impeccabile.

Frutta e Verdura.  Voglio iniziare con questi due cibi perchè sono molto delicati. Il più delle volte finiscono per maturare, sfaldarsi ed imbrattare il frigorifero. Essi vanno posizionati nella parte più bassa del frigo. Solitamente vi sono dei cassettoni molto comodi da riempire.
Frutta e verdura vanno consumati entro 3 o 4 giorni! Questo vuol dire controllare i cassetti del frigo ogni 3 o 4 giorni per evitare che gli alimenti vadano a male.

Il Pesce. Altro tasto delicato è quello che riguarda il pesce ed i suoi odori. Prima di metterlo nel frigo esso va pulito e riposto nel primo ripiano in basso. Inoltre non sarebbe niente male se lo avvolgeste in fogli di alluminio.

I Formaggi. In questo caso occorre eseguire dei distinguo. Quelli a pasta semidura o dura vanno messi nella zona meno fredda, solo dopo averli avvolti in una pellicola di nylon o dopo averli messi all'interno di un contenitore a chiusura ermetica.
La mozzarella, invece, va conservata immersa nel suo liquido. All'interno di una vaschetta.
Il suo posto all'interno del frigorifero è il primo ripiano in basso o quello immediatamente dopo (zona meno fredda).

La Carne. Che sia rossa o bianca, essa va dapprima avvolta in una pellicola trasparente o nella carta argentata e poi posta all'interno del frigo, nel primo ripiano in basso o quello successivo.

I Cibi Cotti. Le portate cotte vanno riposte in frigo, nel comparto mediano (o comunque quello più comodo da usare), solo dopo che si sono freddate. Vanno sempre conservati all'interno di contenitori ermetici di vetro o di plastica. Suggerisco la plastica, perchè potrebbe sempre capitare un incidente ed una plafoniera spiaccicata per terra è un bel problema.
Nel caso in cui non aveste a disposizione un contenitore ermetico, allora può andare bene anche un piatto di ceramica il cui contenuto sia ricoperto da un foglio di pellicola trasparente o di carta stagnola.
Ricordate che se il cibo cotto è del pesce o della carne, sarebbe meglio mangiarla entro tre giorni dalla cottura. Frutta e verdura cotte, invece, si deteriorano più velocemente.

Autore: Viola Dante © RIPRODUZIONE RISERVATA

0 commenti:

Posta un commento

Per lasciare velocemente un commento, cliccate su [Seleziona profilo..] e poi su [Nome/URL]. Potete anche non inserire un indirizzo internet e mettere solo il nome :)
Grazie Per Il Commento!

Puoi Utilizzare Facebook, Per Lasciare Direttamente Un Commento