© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante


Benvenuti sul mio blog/diario segreto. Vi informo che tutti gli articoli di lavoro sulla salute sono stati spostati sul mio nuovo sito salute e benessere!

Ombretto Rotto o Tutto Per Terra? Continuiamo Ad Usarlo. Ecco Come Fare

Ci sono giorni in cui tutto va storto.

Ci si alza gonfie e doloranti.
Laviamo la faccia e non troviamo l’asciugamano a portata di mano.
Prendiamo in mano lo spazzolino dei denti, ma ci accorgiamo che il dentifricio è finito.

La giornata è appena cominciata, ma abbiamo come il sentore che non ci porterà molta fortuna.

Ed in fatti ecco che il nostro ombretto preferito cade per terra e si rompe in 1000 pezzi.

Prese dallo sconforto è possibile che la voglia di buttare tutto nella pattumiera sia grande come il desiderio di chiudere gli occhi e cominciare un nuovo giorno.

Tuttavia è possibile recuperare un ombretto rotto e ripararlo.
Tutto quello di cui abbiamo bisogno è dell’alcol per massaggi, per renderlo come nuovo.

Procedura Guidata Per Aggiustare Un Ombretto Frantumatosi

1. Raccogliete quanti più pezzi rotti potete;
2. Pulite il contenitore originale dell’ombretto con un pennello, per recuperare eventuale altro prodotto;
3. Svuotate il trucco ancora presente nel contenitore rotto in uno nuovo, sano, robusto e vuoto;
4. Sbriciolate l’ombretto solido in polvere, nel caso in cui vi ritornasse difficile travasarlo nel contenitore. Potete aiutarvi con il manico del pennello già tirato in ballo al punto 2;
5. A questo punto vi suggerirei di sbriciolarlo tutto in della fine polvere;
6. Prendete una tazza di alcol (da massaggi) e versatelo piano piano nel contenitore dove avete riposto l’ombretto;
7. Mescolate l’alcol e l’ombretto in polvere con un agitatore di legno. Fatelo fino a quando non otterrete una pastetta omogenea. Non rendetela troppo acquosa. Per questa ragione, aggiungete l’alcol poco a poco;
8. A questo punto scegliete un vecchio contenitore d’ombretto (qualora quello originale fosse severamente compromesso) e versate la pasta lì;
9. Lasciate riposare. Ci vorranno parecchie ore. Ma alla fine la pasta diventerà sempre più rigida.
10. Ricordatevi di coprire il contenitore con un panno traspirante o della carta, per evitare che mosche o moscerini ed altro ancora possano venire a contatto con l’ombretto.

Ci vorranno al minimo 8 ore.
Alle volte potrebbe volerci più tempo.
Dipende tutto dalle condizioni climatiche, dalla quantità e dal tipo di alcol adoperato.

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
loading...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
loading...

Chi sono? admin

Dopo il trasferimento del sito da un lido all'altro gli archivi hanno preso vita propria e sotto questo profilo sono stati raggruppati un sacco di articoli a tema eterogeneo. E' una sorta di "profilo comune" o "profilo ignoto" o "di prova". Venitemi a trovare su Salute e Benessere, dove è tutto più organizzato e più professionale.

Prova anche

CICLO MESTRUALE: COME ALLEVIARE DOLORI E DISTURBI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *